Vai al contenuto

NUOVO SBARCO SPONTANEO NELLA NOTTE A LIDO PIZZO - GALLIPOLI
Siamo stati attivati attraverso la SOR-Puglia all'una di questa notte per lo sbarco di 57 migranti pachistani, di cui 12 minori, che dopo sette giorni di navigazione senza cibo, sono arrivati stremati sulla nostre coste salentine.
All’una di questa notte la Sala operativa regionale è stata interpellata dal Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza, sala operativa regionale di Bari, per uno sbarco in atto su più punti delle coste del Salento in località Mancaversa e Lido Pizzo di Gallipoli. Immediata la risposta in emergenza di Croce Rossa italiana con l’attivazione di personale e mezzi afferenti alle sale operative dei comitati di Lecce e Casarano con il coordinamento in loco della sala operativa regionale #CRIPuglia. I medici #USMAF hanno prontamente visitato tutti i migranti che risultano in buono stato di salute.
In queste ore si registrano nuovi sbarchi sulle nostre coste e le attività in emergenza dei nostri comitati sono stati intensificati... continuano le operazioni di soccorso.

In svolgimento il Corso per Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua (OPSA) della Croce Rossa Italiana, organizzato dalla Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale Puglia e diretto dall’Istruttore Dario Perrone, militare CRI.
Tra le attività degli operatori OPSA, vi sono:
- assistenza ai bagnanti in acque chiuse o aperte;
- assistenza a manifestazioni sportive in ambiente acquatico;
- assistenza tecnica e sanitaria negli ambienti acquatici per conto dei servizi di emergenza o in collaborazione con altri enti, quali Guardia Costiera, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza;
- attività di protezione civile, ricerca e soccorso in emergenza in ambienti acquatici o alluvionali;
- attività di formazione, sia interna che rivolta al personale di altri enti.
Tra i partecipanti a questa edizione, sei militari afferenti al Centro di Mobilitazione Meridionale CRI.

 

Il Capo dello Stato scrive al Presidente Rocca per Compleanno CRI, Centenario Federazione e Solferino 2019

"Il gesto di aiuto, la condivisione popolare del soccorso, la mano tesa verso chi soffre e rischia di non farcela sono diventate pietre angolari della nostra civiltà e della stessa vita sociale, essendo ormai chiaro a tutti che senza uno spirito solidale non c'è vero progresso, né benessere".

"Nel giorno in cui la nascita della Croce Rossa - continua Mattarella - viene ricordata e celebrata da migliaia di persone, che ripercorrono insieme il cammino dei feriti soccorsi al termine della battaglia di Solferino del 1859, desidero rivolgere il saluto più cordiale a tutti gli operatori e i volontari di questa gloriosa associazione che nel tempo continua a esprimere i più alti valori di umanità, di solidarietà, di fraternità". Per il Capo dello Stato "oggi è una celebrazione speciale. Ricorrono infatti i 160 anni dalle vicende di guerra da cui scaturì l'idea originaria della Croce Rossa, e nel contempo celebriamo il 100esimo anniversario della Federazione Internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa".

"La professionalità degli operatori e la generosità dei volontari sono diventati uno straordinario patrimonio per il nostro Paese, e per il mondo intero. Abbiamo il dovere di testimoniare ancora questi valori, affinché possano essere trasmessi alle generazioni più giovani. La solidarietà è cultura, è scuola di vita: rende migliore una comunità e restituisce alle persone molto più del sacrificio che è stato donato", conclude il capo dello Stato.